logo4

Translate

itzh-CNenfrdejakoptrues

Generici

Come collegare Youtube a Twitter

twitter and youtubeTra i tanti, ormai, social network e canali di comunicazione a nostra disposizione, Youtube e Twitter sono tra quelli maggiormente utilizzati da milioni di utenti nel mondo. Se ami condividere con frequenza video musicali, guide o tutorial sui social network, allora sarai certamente al corrente che l'operazione risulta, a dir poco, molto semplice. Basta cliccare sul pulsante apposito o copiare il link ed il gioco è fatto. Da un po' di tempo, però, Youtube e Twitter possono essere collegati, rendendo le operazioni di condivisione ancora più facili e intuitive. L'utente può rendere visibili i contenuti del suo profilo Youtube anche su Twitter, in maniera del tutto automatica e, soprattutto, rapidissima. Aggiornare al volo i propri followers dell'upload di un nuovo filmato, di un like, un commento oppure l'iscrizione ad un canale, risulta adesso un'operazione del tutto automatica. E tutto questo si può fare senza bisogno di aprire Twitter. Naturalmente l'utente può modificare in qualsiasi momento le impostazioni predefinite, scegliendo quali attività di Youtube condividere e quali no. Bene, vediamo come si fa a collegare Youtube a Twitter in modo semplice, veloce e senza problemi.

 

Occorrente

  • PC
  • Account Twitter
  • Account Youtube

 

Per collegare Youtube a Twitter è necessario, naturalmente, possedere un profilo utente. Accediamo, quindi, alla pagina iniziale di Youtube e inseriamo il nostro indirizzo e-mail e la password. A questo punto selezioniamo dal menù che troviamo in alto a destra la voce "Impostazioni Youtube" (la riconosciamo dall'icona a forma di ingranaggio), quindi clicchiamo sul tag "Account collegati", che in questo caso possiamo visualizzare nel menù a sinistra. Quì troveremo già pronta e a vista l'icona di Twitter, con affianco il pulsante "Connetti". Se siamo già loggati a Twitter ci apparirà una finestra che ci chiede se vogliamo autorizzare Youtube ad accedere al nostro profilo. Ovviamente, clicchiamo su "Autorizza app" e il gioco è fatto! Adesso il nostro account Youtube è automaticamente collegato a Twitter.

Il passaggio successivo è quello di scegliere quali operazioni intendiamo rendere visibili sul profilo Twitter. Torniamo, quindi, alla pagina iniziale e andiamo nel menù delle Impostazioni Youtube. Nella parte bassa della pagina, sotto la voce "Condividi la tua attività", ci verrà data la possibilità di selezionare tutte le opzioni che ci interessano. Spuntiamo, a questo punto, le caselle nella parte inferiore, in corrispondenza della sottovoce "Account connessi". Quelle della sottovoce "su Youtube" indicano le attività che ci interessa condividere. Confermiamo le modifiche per completare le operazioni.

Add a comment

Come censurare un video facilmente con Avidemux

Di

Come censurare un video facilmente.
Volete censurare un volto, una targa o una scritta su un video ma non sapete come fare?
Avidemux è la soluzione!
Iniziamo col scaricare il programma.

AVIDEMUX1

avidemux2

    • Ora il download del programma è corso. Lo troverete nella barra in basso a sinistra.

avidemux3http://cdn.bluranocchio.com/wp-content/uploads/2015/03

    • Clicchiamo sul file scaricato.
    • Ci apparirà una piccola finestra. Clicchiamo su “Esegui”.

avidemux5

    • Clicchiamo su Next —> I Agree —> Next —> Next —> Next —> Install

avidemux6

    • Adesso il programma sta procedendo all’installazione

avidemux7

  • Appena terminata l’installazione, clicchiamo su “Finish”.

avidemux8

Adesso che il programma è stato installato correttamente, possiamo procedere alla censura del video.

    • Apriamo il programma Avidemux.
    • Andiamo su File —> Apri

avidemux9

    • Decidiamo il file da censurare e clicchiamo su “Apri”.

avidemux10

    • Ora, per l’effetto censura, andiamo su Video —> Filtri

avidemux11

    • Si aprirà una schermata. Clicchiamo su “Sharpness” —> MPlayer delogo e poi clicchiamo su segno + verde che troviamo in basso.

avidemux12

    • Si aprirà il video da noi scelto con un rettangolo verde sopra.

avidemux13

    • Decidiamo la parte del video che vogliamo censurare tramite la barra che troviamo sopra al video e iniziamo a proporzionare l’area.

avidemux14

    • Per selezionare l’area che dobbiamo censurare bisognerà utilizzare i comandi presenti sopra al video (X, Y etc…)

avidemux15

    • Una volta selezionata l’area, clicchiamo su “Ok”

avidemux16

    • Per verificare che la posizione sia esatta, clicchiamo su “Preview”.

avidemux17

    • Andiamo alla parte del video che abbiamo voluto censurare e controlliamo il risultato.

avidemux18

    • Se il lavoro ci soddisfa clicchiamo su “Ok” e poi su “Close” (non vi preoccupate non vi cancellerà il lavoro svolto).

avidemux19

    • Configuriamo le caratteristiche per il salvataggio del video così:
      – Video Output: Mpega AVC (x264)
      – Output Format: AVI Muxer

avidemux20

    • Per salvare il video andiamo su File —> Save

avidemux21

    • Decidiamo dove salvare il file (es: Desktop), rinominiamo il file (es: videomileycyruscensura) e clicchiamo su Salva.

avidemux22

    • Il programma inizierà l’elaborazione della censura sul video.

avidemux23

  • Terminata l’elaborazione clicchiamo su “Ok”.

avidemux24

Complimenti il vostro video è stato censurato.
Ecco come è venuto il mio (ve lo mostro in formato gif):

mileycyruscensura


Add a comment

Recuperare tutta la posta di Thunderbird dopo un rovinoso (e "silenzioso") crash

Punto per punto:

1) chiudi Thunderbird e vai alla cartella "Mail" dove sono i tuoi messaggi (C:\Users\utente\AppData\Roaming\Thunderbird\Profiles\xxx.default\) ;

2) copia e incolla la cartella "Mail" in un'altra posizione (es.: sul desktop) oppure rinomina la cartella come "Mail_000";

3) taglia e incolla (anche sul desktop) il file "prefs.js" (qui dentro ci sono le indicazioni per Thunderbird per andare a prendere la posta nelle giuste cartelle) oppure rinomina il file in "prefs.js.OLD";

4) adesso la situazione è Thunderbird (ancora chiuso) non è più in grado di puntare alla cartella della posta (Mail), perché non ha più il "ponte" per arrivarci (il file "prefs.js") ;

5) avvia Thunderbird, ti comparirà la schermata per ricominciare da zero la configurazione dei vari account;

6) provvedi a reinserire le impostazioni per le diverse caselle di posta elettronica... le medesime precedenti impostazioni (in questo modo Thunderbird passerà ad un nuovo file "prefs.js" i vari path per arrivare alle cartelle che, automaticamente, verranno ricreate sotto una nuova "Mail") ;

7) finita l'opera di configurazione ex novo, entrando dentro "Mail", troverai una struttura corrispondente a tutti gli account creati (è possibile che, allo stato attuale, Thunderbird "ricordi" i contenuti delle vecchie cartelle perché non ha ancora ricostruito l'indice, cosa che farà, facendo semplicemente clic con il pulsante sinistro del mouse sulle varie cartelle di posta... ma per questo vedremo avanti!) ;

8) esci da Thunderbird, a questo punto il file "prefs.js" dovrebbe essere in grado di puntare correttamente alle varie cartelle contenute dentro "Mail";

9) rinomina l'attuale "Mail" in "Mail_001";

10) riporta l'originaria cartella "Mail_000" qui dentro, cambiando anche a questa il nome e facendola ritornare "Mail";

11) apri Thunderbird;

12) se hai ridato le medesime impostazioni, sarà sufficiente cliccare sopra le varie cartelle dei diversi account per far "ricostruire l'indice" a Thunderbird e rivedere comparire magicamente tutti i tuoi messaggi (almeno, facendo le prove mentre scrivevo, così è accaduto per me... ho rischiato con la mia posta!!!).

Se, dopo aver cliccato nelle varie cartelle dei diversi account, le mail non dovessero ricomparire, ultima chance:

12.1) apri Thunderbird;

12.2) Strumenti -> Impostazioni account;

12.3) vai nella scheda "Impostazioni server" del primo account e controlla il path in corrispondenza di "Cartella locale", eventualmente clicca sul pulsante "Sfoglia" e vai alla ricerca della cartella di posta corretta;

12.4) ripeti il precedente punto per tutti i tuoi account;

12.5) vai in "Cartelle locali" e, anche qui, controlla il path corrispondente alla voce "Cartella locale", se necessario, premi "Sfoglia" e cerca la cartella giusta.

Finale: spera!

Perché non saltare tutto, dal punto 1 al punto 12.3? Perché hai bisogno di ricostruire il "puntatore" di Thunderbird, ossia il file "prefs.js".

Se riesci a modificarlo "a mano", tanto di guadagnato... altrimenti, ti toccherà tutta la pappardella sopra indicata.

 

A cura di:

Add a comment

Cosa sono i Gravatar e perché dovresti iniziare ad utilizzarli

 

 

Spesso ti sarà capitato di lasciare un commento su un blog, un forum o una discussione online e di aver visto un’icona grigia apparire accanto al tuo nome. Bene, quello è un gravatar! In questo caso però si tratta di un gravatar decisamente anonimo.

In questa guida, ti spiegheremo nel dettaglio che cosa sono i gravatar, e come crearne uno personalizzato che sarà usato automaticamente ogni volta che lasci un commento su un sito costruito con WordPress. Non ci resta che iniziare.

Che cosa sono i Gravatar e perché utilizzarli?

Prima di iniziare vorrei fare una distinzione. Avrai sentito sicuramente parlare di avatar. Ma gravatar e avatar non sono proprio la stessa cosa anche se il concetto che li lega è molto simile.

Un avatar è una rappresentazione grafica con la quale un utente vuole essere identificato e può essere un’immagine, una foto personale o un icona. In effetti lo scopo dell’avatar è proprio quello di consentire agli utenti di essere riconosciuti ogni volta che interagiscono con una qualsiasi discussione su forum, blog e quant’altro.

Generalmente, per ottenere un avatar è necessario iscriversi al sito specifico su cui si è deciso di commentare.

Ma il blogging sta evolvendo. La maggior parte dei siti, infatti, non richiedono l’iscrizione per poter commentare, con lo scopo di favorire e velocizzare i commenti e interazioni.

Di conseguenza, ci si trova spesso a commentare e a non avere un avatar che ci renda riconoscibili tra tutti i commentatori.

Quindi cosa accade? Accade che ci ritroviamo a lasciare un commento praticamente anonimo e gli altri commentatori, soprattutto se abituali di quel sito, non ci riconosceranno quando commenteremo la volta successiva.

Del resto è più facile riconoscere delle immagini piuttosto che ricordarsi il nome di qualcuno!

Per ovviare a questo problema è necessario che tu crei un gravatar, per essere identificato con la stessa icona ogni volta che interagisci con altri utenti.

Gravatar sta per Globally Recognized Avatar, ovvero un avatar globalmente riconosciuto. In poche parole una volta che hai creato il tuo avatar personale, questo ti seguirà ogniqualvolta commenterai su un qualsiasi sito che abbia supporto integrato per i Gravatar.

 

Quali sono i vantaggi?

gravatr

Se hai necessità di essere identificato subito allora ti consigliamo di creare subito un gravatar.

Soprattutto se hai un piccolo business, stai costruendo un brand o sei un blogger professionista dovresti iniziare a pensare di crearne uno.

Attraverso quest’ultimo con il tempo le persone si ricorderanno di te e incuriositi dalla tua attività di commenting su vari siti, con buona probabilità verranno a visitare il tuo sito.

E’ un’ottima opportunità per essere riconosciuti e farsi conoscere!

 

Come si fa a creare un Gravatar?

Creare un Gravatar è molto semplice ed è totalmente gratuito.

gravatr2

 

Ti basterà andare su Gravatar.com e inserire la tua email e scegliere l’avatar che preferisci, che può essere un logo, un’immagine o un’icona che potrai scegliere tra quelle che il sito propone.

Conclusione

Bene, in questo articolo ti abbiamo spiegato cosa sono i gravatar, come crearne uno e far sì che appaia quando lasci commenti su siti e blog WordPress, ci sono inoltre plugin di famosi componenti di commenti per Joomla come ad esempio JComments che li supportano egregiamente.

 

Team SOS WP

Autore:

 


 

 

 

Add a comment